28 settembre, 2015

Simone Barbato. Eliminato e sfottuto da Avanti un Altro. “Laurenti mi ha scippato il personaggio e io lo sfido”. Intervista di Stefano Duranti Poccetti


Simone Barbato, musicista, attore… soprattutto conosciuto come mimo, grazie al personaggio che lo ha reso celebre a Zelig e Avanti un Altro. Dopo l’abbandono di queste due trasmissioni, l’artista è infuriato, perché, dopo l’eliminazione da Avanti un Altro, il suo personaggio gli è stato rubato da Luca Laurenti, che, in questo nuovo ruolo, a detta di Barbato, non farebbe altro di sbeffeggiare e scimmiottare il mimo…

Cominciamo dalla tua formazione Simone, che so essere molto poliedrica…

In effetti ho cercato di spaziare moltissimo. Innanzi tutto sono diplomato in pianoforte al conservatorio di Alessandria – a dire il vero il pianoforte ultimamente l’ho un po’ tralasciato, ma non escludo di riprenderlo questo periodo - e sono un cantante lirico, un tenore. Dopo la musica mi sono dato anche al teatro, infatti ho frequentato la Scuola Comunale, sempre di Alessandria, e lì mi sono reso conto del talento che ho per quest’arte. Finito lì ho fatto un bel po’ di tournée in giro, dove ho interpretato spesso e volentieri i personaggi fisici della Commedia dell’Arte. Ho scritto anche tre spettacoli: “Sogno di altri tempi”, una favola in rima baciata dove facevo il folletto (ho una grande passione per i personaggi di fantasia e non ti nascondo che il mio sogno sarebbe quello di recitare in un film tipo “Il Signore Degli Anelli”); il poemetto “La ragazza di Brasov”, che è la storia di un’immigrata, e “Teresa di Bracco, una storia di guerra e santità”, dove racconto la storia di una santa delle mie parti. E poi…

Poi scopri la vocazione per il mimo…

Pensa, quella la scoprii per caso mentre facevo il militare negli Alpini. Imitavo così bene il personaggio dell’acaro che tutti mi chiedevano continuamente di farlo e così è nato questo personaggio che mi ha dato celebrità. Un personaggio che veste un tutù nero, essenziale, neutrale, proprio perché devo essere io, con il mio corpo e con le mie espressioni a dargli una forma e un senso. Si tratta in un certo qual modo di mimo astratto e visionario, la mia particolarità è che imito gli oggetti. Altri, come lo stesso Marcel Marceau, imitavano il movimento, l’uomo che tira una fune, per esempio… ecco, io imito la fune e non l’uomo che la tira.

Come sei approdato a Zelig e ad Avanti un Altro? Hai trovato differenza tra esibirti dal vivo e davanti una telecamera?

Anni fa ho fatto un laboratorio a Genova e poi subito dopo dei provini a Milano – a Zelig entrai grazie a questi provini. Ad Avanti un Altro invece mi chiamarono dopo avermi visto ritirare l’Oscar della Tv al Teatro di Sanremo, quello del Festival, e mi chiesero se volevo fare parte della trasmissione: accettai e sono rimasto per quattro anni in entrambi i programmi. Per quanto riguarda l’altra domanda, sinceramente non ho trovato molte differenze, perché in ambedue le trasmissioni fai comunque spettacolo per un pubblico che è lì presente e a Zelig sei addirittura in un teatro. La telecamera diventa così quasi ininfluente, tu sei lì, su un palcoscenico con un pubblico davanti a te, proprio come a teatro.

Poi arriviamo a quello che ti è successo ultimamente, l’eliminazione dal programma Avanti un Altro…


Non si è trattata solo di un’eliminazione, non è questo il vero problema; il problema è che mi hanno letteralmente scippato il personaggio! Tutto è iniziato l’anno scorso, quando per la prima volta non mi confermarono e anche quest’anno è accaduta la stessa cosa, però non mi sarei mai aspettato che mi rubassero la mia creazione per darla a Luca Laurenti, che è tutto meno che un mimo. Inoltre mi fa male non sapere perché sia accaduto, c’è stata solo un’intervista su questo al capo progetto Marco Salvati, che però non è riuscito a dare una risposta soddisfacente alle mie esigenze. Preciso che se mi avessero eliminato e se avessero messo un’altra persona al mio posto con un altro ruolo non mi avrebbe disturbato, ma vedermi rubare il personaggio così è stato davvero ingrato da parte loro e questa cosa mi fa ancora più arrabbiare se penso che io non ho mai rubato idee a nessuno e che ho sempre rispettato l’inventiva artistica altrui. Mi rincuora solo sapere che ancora il pubblico mi vuole e mi cerca, se mi ferma continuamente per strada chiedendomi di ritornare al programma.

Quindi non sai veramente perché questo sia potuto accadere? Hai avuto screzi con qualcuno nel dietro le quinte? Hai percepito qualcosa di strano prima che ti eliminassero?

A quanto pare la verità non la vogliono dire, sicuramente c’è qualcosa sotto che riguarda l’arroganza del potere, è per questo che non vogliono rispondere. Per quanto riguarda gli screzi, no, non li ho avuti, o almeno niente d’importante o che potesse portare a tali conseguenze. Delle stranezze invece le ho percepite, con Gerry Scotti infatti apparivo una volta alla settimana, con l’arrivo di Bonolis sono comparso sempre di meno e la mia presenza è scemata fino all’eliminazione, che quindi doveva essere stata predemeditata, il problema è che non mi hanno solo eliminato concretamente, ma hanno cercato e stanno cercando di distruggermi artisticamente, visto e considerato che quello che fa Laurenti è una scimmiettatura di me e non mi sembra carino da parte sua. Pensa che nella prima puntata dove non c’ero Bonolis ha fatto pubblicamente un’ironica battuta sulla mia assenza, dicendo che quindi il testimone sarebbe passato a Laurenti… una vera e propria presa in giro!

Insomma, non ti piace proprio come Laurenti sfrutta questo personaggio…

Assolutamente no, perché, come ho già detto, la sento come una parodia e scimmiettatura di me e così facendo rovina la mia immagine. Anzi, sai che ti dico? Approfitto di questo articolo per sfidarlo in una gara di canto, non di mimo, perché per me la vittoria sarebbe troppo facile, ma a canto lo sfiderei volentieri!

Cosa vuoi dire infine su questa storia?

Dico che si tratta di arroganza del potere e che non sono l’unico a cui è successa una cosa simile, sono però pochi quelli che alzano la cresta ribellandosi a questo sistema.
Vorrei inoltre gridare che mi hanno SCIPPATO IL PERSONAGGIO! e che non vogliamo più vedere uno che prende in giro il mimo!
Posso dire infine ai miei fan di non guardare più la trasmissione!

Che progetti hai per il futuro?

Intanto a marzo mi hanno chiamato per fare un’opera: interpreterò Arlecchino ne “I Pagliacci” di Leoncavallo. Sto pensando inoltre di andare al’estero e se c’è qualche impresario che vuole provare quest’avventura io sono disponibile a partire per dovunque! Voglio portare avanti il personaggio che ho creato e di cui ho piena proprietà intellettuale, però sono aperto a tutto, al teatro, alla musica, a qualunque cosa interessante che verrà.


Curata da Stefano Duranti Poccetti

7 commenti:

  1. Rubare le idee è una cosa viscida e che rispecchia perfettamente lo schifo di oggi. Si va avanti solo per leccate di culo o (come nel mio ambito sportivo, addirittura nei dilettanti) si portano sponsor...MERITOCRAZIA?...Una parola sconosciuta....Ho avuto il piacere di conoscerti e di cenare ad Alassio con te...Ti sei seduto al tavolo con me, mia moglie e la mia piccolina...Sei una bella persona e quindi cammina a testa alta e vai dritto per la tua strada...Ci vuole solo tempo ma sarà ancor più bello!!!... (Amedeo)

    RispondiElimina
  2. Simone gli amici di Voltri sono tutti con TE.........in cu...lo alla balena (Bruno)

    RispondiElimina
  3. mi dispiace, sono con te, purtroppo in italia vince il più forte, anche a me non chiamano mai come comparsa, chiamano sempre le medesime persone solo perchè politicamente non la penso come loro, ma la politica non c'entra niente con il fare la comparsa, questa è l'italia, ti auguro molta fortuna ciao

    RispondiElimina
  4. Grande Stefano, bel colpo!! Paolo leone

    RispondiElimina
  5. Spero che tu ce la faccia!!! Ti ho dato la mia stima anche su facebook.

    RispondiElimina
  6. Ciao, sarei disposto a fare un progetto discografico con te!
    Sono un produttore discografico indipendente.
    Puoi trovarmi su Facebook o www.celebritystudiorecords.com
    Ciao
    RIck

    RispondiElimina
  7. Scusatemi ma io sono cresciuto con Fabrizi, Montesano, Panelli, Nuti, Benigni etc etc. Barbato vai a cercarti un lavoro per favore ma vero...

    RispondiElimina